Water Footprint globale e delle nazioni

Posted on 2 luglio 2012 di

0


Water Footprint delle nazioni (prodotto da Scientific American, prestigiosa rivista statunitense di divulgazione scientifica)


Fonte: Water Footprint Network

Si può notare che in questa analisi i consumi sono stati studiati in base all’uso che si fa della risorsa idrica, differenziando tra utilizzo domestico, industriale e agricolo (suddiviso, a sua volta, tra cereali, carne e altro).
A questo proposito, si sottolinea come da studi recenti risulti che il 90% dell’acqua utilizzata nel mondo è presente negli alimenti che mangiamo, nell’energia che consumiamo, nei beni che compriamo e nei servizi che richiediamo, mentre solo una minima parte, che equivale a circa il 5% del totale, scorre nei lavandini, nelle toilette e nei giardini delle nostre abitazioni.

Un altro studio particolarmente interessante, che, tra gli altri, ha previsto anche il coinvolgimento della studiosa italiana Angela Morelli, riguarda l’Impronta Idrica di 132 Paesi nel mondo.
Per poter calcolare questo indicatore, si parte dal consumo totale di risorse idriche all’interno del Paese (comprendente l’acqua utilizzata a fini domestici, agricoli e industriali), a cui si somma il volume d’acqua virtuale che entra nello Stato con i prodotti importati, e a cui viene sottratta l’acqua virtuale che esce attraverso i prodotti esportati.

Water Footprint globale (prodotto da US Infrastructure)

Fonte: Water Footprint Network
Annunci