A2A “critica” Edison e cede Alpiq per ridurre l’indebitamento

Posted on 4 giugno 2010 di

0


Il nodo che lega A2A a Edison si fa sempre più “scomodo”.

Negli ultimi giorni c’è stata una polemica fra il Presidente del Consiglio di Sorveglianza della multiutility milanese, Giuliano Zuccoli e i vertici della controllata di Foro Bonaparte.

In buona sostanza Zuccoli attacca l’aspra concorrenza che Edison sta facendo sulle piazze di Milano e Brescia ad A2A.

Lo scambio (attraverso le dichiarazioni a “L’Espresso”) è significativo:

Zuccoli: “Non condivido il principio che faccia concorrenza a noi. Vorrei vedere se facesse in Francia contro EdF quello che fa a Brescia con A2A”

Edison: “Noi siamo abituati a operare sul mercato libero e abbiamo tariffe competitive: se gli italiani ci scelgono un motivo ci sarà; in due anni abbiamo rastrellato un milione di clienti.

Non c’è che dire: A2A ha fatto un’altra brutta figura (soprattutto se si considera che si è in un contesto di mercato in via di liberalizzazione). Dal punto di vista strettamente aziendale poi, occorre considerare che Zuccoli è il Presidente di Edison e quindi viene da chiedersi dove sia quando dall’altra parte di Milano vengono prese le decisioni…

Nel frattempo comuqnue le manovre sul fronte della riduzione dell’indebitamento dell’azienda milanese e del riassetto societario (in vista della ridefinizione degli accordi societari su Edison con i francesi di Edf) vanno avanti ed è in fase di realizzazione la cessione del 5,16% di Alpiq per un controvalore di circa 305 milioni di euro oltre che altre cessioni “minori” per un totale di altri circa 100 milioni di euro.

Annunci